Dg Asl D’Innocenzo: “Creare Rete tra operatori sanitari e l’Ospedale”

Sabato scorso, organizzato dalla Direzione Aziendale della Asl di Rieti, si è svolto un Convegno sulle problematiche emergenti in allergologia pediatrica dal titolo “L’alleanza terapeutica tra lo specialista e il pediatra di famiglia”.

L’Evento è stato l’occasione per gettare le basi per la creazione di una Rete tra gli operatori sanitari che lavorano sul Territorio e l’Ospedale.

“Si tratta di un passo decisivo in grado di ottimizzare la gestione del bambino con patologia allergica – ha spiegato durante il suo intervento il Direttore Generale della Asl di Rieti Marinella D’Innocenzo – all’interno di un percorso diagnostico-terapeutico condiviso, che coinvolga gli operatori sanitari dell’Azienda, dal Pediatra di famiglia allo Specialista ospedaliero, con un ampio coinvolgimento del mondo della Scuola”.

Il Convegno è stato organizzato grazie al contributo della Unità di Pediatria e Neonatologia dell’Ospedale de’ Lellis diretta dal dottor Mauro De Martinis e dal dottor Maurizio Pizzoli, referente dell’Ambulatorio di Allergologia pediatrica dell’Ospedale di Rieti.

Oltre al Direttore Generale della Asl di Rieti D’Innocenzo e al direttore dell’Unità di Pediatria e Neonatologia del de’ Lellis De Martinis hanno aderito all’Evento la dottoressa Rita Le Donne, (Direttore Sanitario Aziendale facente funzioni), il dottor Luciano Basile (segretario Fimp Rieti), la dottoressa Sandra Frateiacci (Presidente Alama delegato rapporti istituzionali Federasma Onlus).

Tra i relatori il dottor Maurizio Pizzoli, che ha illustrato le prestazioni erogate dall’Ambulatorio di allergologia pediatrica di Rieti e la possibilità di un approccio integrato alle malattie allergiche.
La dottoressa Simonetta Feliciangeli ha invece parlato del ruolo dell’infermiera nell’educazione del paziente come strumento per migliorare l’aderenza alla terapia. La dottoressa Cristina Artesani (allergologia Bambino Gesù) ha spiegato le indicazioni all’invio del paziente al Centro di terzo livello.

La dottoressa Anna Volterrani (Università Sapienza) si è soffermata sul ruolo dell’immunoterapia per migliorare i sintomi allergici e cambiare la storia naturale della malattia allergica. Infine, il dottor Vincenzo Mattei e la dottoressa Serenella Grossi sono intervenuti sul ruolo del monitoraggio pollinico nella prevenzione dell’allergia e l’importanza del calendario pollinico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here