Progetto “Unica pezza”, i Bulldog spiegano la loro non partecipazione

“Dopo aver letto il comunicato redatto da alcuni gruppi (manipolo e veterani), il direttivo dei Bulldog ritiene importante sottolineare le motivazioni della NON partecipazione al progetto unica pezza.

Ricordiamo che, come la storia ci racconta, la curva terminillo é per tutti i tifosi e per tutti i gruppi che la compongono un luogo solenne, intoccabile e intangibile, eletto negli anni dalla sacralità e dal rispetto univoco  dei nostri colori. Per questo motivo riteniamo giusto salvaguardarne l’identità.

Indignati dai modi con cui siamo stati informati della loro decisione, nonostante i molteplici incontri avvenuti nei giorni passati tra TUTTI i gruppi della curva Terminillo, i due gruppi (manipolo e veterani), hanno pensato bene di riunirsi nell’ombra senza alcuna comunicazione nei nostri confronti. L’obiettivo é far credere alle persone esterne alla curva che  fosse diventato un gruppo inclusivo e unito quando in realtà, la mossa non ha portato nient’altro che divisone e spaccatura all’interno di un direttivo unico che aveva dei progetti in comune.

Detto questo, categoricamente i bulldog si dissociano dagli striscioni e da qualsiasi altra iniziativa che verrà firmata “Curva Terminillo”.

Si dissociano inoltre, da questo comportamento disonesto e sleale.
Ribadiamo con fermezza che la curva Terminillo è della gente, della città, dei colori amarantocelesti e non solo dei singoli gruppi che compongono la stessa.

Con tenace resistenza, ricordiamo inoltre, che nella storia del palazzo nessuno ha mai avuto l’arroganza di appropriarsi di un nome così importante, nonostante ne abbiano fatto parte moltissimi gruppi ultras. Chiudiamo dicendo che queste pagliacciate non rientrano nella nostra mentalità ultras, quindi, che ognuno vada per la propria strada.” Bulldog Rieti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here