OPERAZIONE SPIDER 3 – POIANA, ARRESTATI 7 SPACCIATORI A POGGIO BUSTONE

Carabinieri

All’alba è scattata l’operazione SPIDER 3 – POIANA ad opera dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Rieti.

L’operazione antidroga, rientra nell’ambito del progetto SPIDER, con il quale nel 2009 i Carabinieri del Comando Provinciale di Rieti, sotto la direzione della Dott.ssa De Santis della Procura della Repubblica, hanno monitorato diversi comuni a rischio della Provincia Reatina allo scopo di disarticolare i diversi sodalizi criminali dediti allo spaccio di droga, nonché di interrompere i vari canali di rifornimento.

Il 4 Novembre 2009 scattò  l’operazione SPIDER.
9 persone tra fornitori e spacciatori di droga finirono in manette. Venne  bloccato un traffico di cocaina tra TERNI e ANTRODOCO e un traffico di Cocaina tra ROMA  e RIETI.

Il 26 Novembre 2009 scattò l’operazione SPIDER 2.
I Carabinieri arrestano altre 9 persone tra trafficanti e spacciatori di droga. Fu bloccato un traffico di eroina proveniente da TERNI e destinata a RIETI, e un traffico di cocaina proveniente da ROMA e destinata a BORGOROSE, dove veniva smerciata nei locali notturni.

Con l’operazione SPIDER 3 odierna vengono arrestati 7 spacciatori componenti di un sodalizio criminale dedito allo spaccio di eroina nel comune di Poggio Bustone.
I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Rieti, hanno eseguito sette ordinanze di custodia cautelare in carcere (emesse dal GIP Alessandro Arturi) a carico di altrettante persone ritenute responsabili, a vario titolo ed in concorso tra loro, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Si tratta di:

Rubimarca Alfio, di anni 36;  Falilò Enrico, di anni 35;  Battisti Andrea, di anni 31;  Santori Remigio,  di anni 28;  Desideri Giovanni, di anni 29;  Pellegrini Andrea, di anni 27;  Miconi Domenico, di anni 51.

L’attività investigativa (anche questa coordinata dalla dott.ssa Lucia De Santis) trae origine dalle numerose segnalazioni di allarme sul fenomeno droga che i rappresentanti del Comune di Poggio Bustone avevano in più occasioni inoltrato in Prefettura.

Le indagini sono iniziate nel marzo 2009, a seguito di una denuncia sporta da una donna di Poggio Bustone, stanca delle frequenti discussioni tenute in casa con il figlio tossicodipendente alla continua ricerca di denaro.

I primi accertamenti hanno consentito di ricostruire la cerchia di giovani a cui il figlio della denunciante apparteneva. Sette giovani, tutti di Poggio Bustone, che sono risultati legati tra loro da un unico comune denominatore, il consumo e lo spaccio di eroina.

Le successive indagini, durate circa 5 mesi (Marzo -Luglio 2009), supportate da numerose intercettazioni telefoniche, corroborate dai continui servizi di osservazione e pedinamento, dai sequestri di numerose singole dosi di eroina e dalle testimonianze di molti assuntori di questo tipo di sostanza stupefacente, hanno dato l’opportunità di appurare l’esistenza di una costante interazione tra i 7 indagati,  i quali, operando esclusivamente a Poggio Bustone, stavano tentando di allestire un vero e proprio centro di smistamento di eroina per i tossicodipendenti del Comune.

Il traffico registrato nel corso delle indagini è quantificabile nella vendita di almeno 20 dosi giornaliere, pagate dai 20 ai 30 euro l’una, smerciate nel solo centro del comune di Poggio Bustone. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here