INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE GERBINO

Luigi Gerbino

Il consigliere comunale Udc  Luigi GERBINO, ha presentato una interrogazione al sindaco Petrangeli e per conoscenza al presidente del Consiglio comunale Marroni e al segretario comunale Iovinella, per conoscere quali azioni il Sindaco intende intraprendere per ristabilire il rispetto del Codice Unico degli Appalti D.Lgs 163/2006 e conseguentemente la legittimità degli atti dell’ Amministrazione.

L’interrogazione nasce a seguito della presa  visione delle determine dirigenziali N° 2336 del 04/10/2012, N° 2194 del 13/09/2012 e successive integrazioni per ulteriori 92.000,00 euro, con cui si affidano una serie di lavori e sevizi richiamando l’Art.125 del D.LGS  163/2006, sostenendo di dover procedere senza la necessaria evidenza pubblica, ai sensi del succitato articolo, per ragioni di “URGENZA E INDIFFERIBILITA’”.

– visto che l’Art.125 consente affidamenti diretti solo per importi inferiori a quelli oggetto di affidamento;
– visto che lo stesso articolo prevede,  per gli importi di cui   alle sopracitate determine, l’illeggittimità di procedere
  attraverso forme di individuazione degli appaltatori diverse da quelle previste, men che mai in assenza di pubblicità;
– visto altresì che i motivi d’urgenza non potevano ricorrere,  in quanto l’Amministrazione è in carica da circa 4 mesi e
  le forme di pubblicità previste dal cottimo fiduciario si possono espletare in circa 20 gg ed in ogni caso i motivi
  d’urgenza non consentono di derogare dalla norma; 
– vista ancora la sentenza del Consiglio di Stato  sezione V°, N° 5454 del 5/10/2011, che dichiara illegittimo l’operato
  di una stazione appaltante, che abbia svolto l’intero procedimento di gara, affidato mediante il sistema del
  COTTIMO FIDUCIARIO,  in seduta riscontrata in palese violazione del principio di pubblicità e trasparenza;
– vista altresì la sentenza del TAR della CAMPANIA –NAPOLI- Sez.I°, N.3089 del 28/06/2012.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here