I Carabinieri Forestali sequestrano 30 chili di funghi

In questi giorni i Militari della Stazione Carabinieri Forestali di Rieti, durante il controllo del territorio a ridosso dell’area urbana del Capoluogo, hanno notato la presenza di venditori occasionali di funghi appartenenti principalmente alla specie “Boletus” (Porcini).

Al fine di tutelare il consumatore, ma anche per verificare l’esistenza delle previste e necessarie autorizzazioni per la commercializzazione del prodotto, i Carabinieri Forestali hanno eseguito i controlli del caso.

Da un primo riscontro si è accertato che i funghi della specie “Boletus” proposti come “locali” provenivano in realtà da altri luoghi e principalmente dalla Calabria, ma anche direttamente dai mercati generali di Roma, risultando quindi tutt’altro che locali.

A seguito di ulteriori approfondimenti è emerso anche il fatto che i venditori non avevano preventivamente acquisito le necessarie autorizzazioni comunali per la vendita.

Stante le incongruenze accertate, sia per quanto riguarda le indicazioni di origine, ma anche l’assenza dell’autorizzazione comunale, i Militari hano psoto sotto sequestro i funghi elevando parallelamente sanzioni amministrative quantificate in oltre 1.000 Euro.

L’attività di cui sopra si inserisce perfettamente in quella che viene percepita come “sicurezza alimentare”, rientrando a pieno titolo nei necessari controlli di filiera per la commercializzazione dei prodotti destinati alle tavole dei consumatori.

Sempre nell’ambito dei controlli effettuati sul territorio in applicazione della Legge Regionale n.32/1998, che regolamenta la raccolta dei funghi epigei e le successive modificazione e integrazioni della medesima, sono stati numerosi i controlli posti in essere dalle Stazioni Carabinieri della Specialità Forestale presenti in provincia di Rieti, anche in questi casi sono state elevate sanzioni ed effettuati sequestri di funghi epigei.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here