ANTICIPAZIONI CREDITI PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LOCALI

CLAAI Rieti

Al via, come sempre in ritardo, la procedura per l’anticipazione dei crediti vantati nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni locali; siglati il 22 Maggio scorso i Decreti Ministeriali per l’avvio della procedura di smobilizzo e l’istituzione di un fondo di garanzia con lo stanziamento iniziale di 10 mld di Euro da parte del governo; siglato il protocollo con ABI (Associazione Bancaria Italiana) il 30 Maggio da parte delle Associazioni di categoria  successivamente integrato in data 23 Luglio.

In questa fase recessiva, in presenza di un significativo inasprimento delle condizioni di accesso al credito, sembra significativa la misura governativa avviata quale interessante  opportunità per tutte quelle realtà economiche che, vantando crediti nei confronti delle pubbliche amministrazioni in generale ed a maggior ragione per quelle locali, soffrono oggi una evidente crisi di liquidità e un costante e snervante confronto con il sistema bancario sempre meno disposto all’anticipazione dei crediti e/o comunque rigido nella tempistica nei rientri  causando,come ovvio, difficoltà nella gestione operativa dei rapporti bancari necessariamente intrattenuti dai diversi soggetti economici.

Attraverso la certificazione dei crediti da parte delle Amministrazioni debitrici viene determinata la certezza e l’esigibilità del credito e, in alcuni casi, anche determinata la scadenza tanto da consentire al creditore di poter negoziare più agevolmente con gli istituti di credito l’anticipazione  almeno in ragione del 70%; a seguito della certificazione del credito è definita anche la procedura per eventuali compensazioni (crediti e debiti) sempre nei confronti dello stesso Ente prevista anche per quei casi in cui siano stati emessi provvedimenti di pagamento (cartelle).

Unitamente all’invito ad avviare le procedure accennate da parte dei creditori , si ritiene doveroso sensibilizzare anche le P.A. Locali interessate sicuramente e soprattutto attente alle necessità del tessuto economico territoriale ma sempre più strette e stritolate dai vincoli normativi legati alla tenuta economico finanziaria dell’Ente che amministrano.

Il nodo forse più problematico appare quello del rapporto con il mondo del credito che, se pur in presenza di un protocollo ABI, se pur in presenza di un fondo di garanzia istituito e direttamente gestito dagli Istituti Bancari aderenti all’iniziativa , non appare significativamente predisposto all’adattamento dei propri metri valutativi di rischio di credito spostando, come nello spirito della normativa, le garanzie del rischio dal solo soggetto richiedente anche e soprattutto  al soggetto debitore.

Facendo tesoro di quanto avviato in altre  realtà locali, sarebbe necessario aprire un confronto al fine di predisporre un protocollo territoriale per concordare un’operatività più snella e più efficace  in risposta alle esigenze pressanti e tempisticamente sempre più stringenti del mondo produttivo e quelle di una normativa bancaria sempre più rigida; proprio in questa fase e su questi temi si ritiene opportuno e doveroso un intervento deciso da parte delle Istituzioni locali. 

La CLAAI Rieti è a disposizione per offrire ogni informazione in merito e/o consultando il sito www claairieti.it, facendosi  altresì promotore di un auspicato e necessario tavolo di concertazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here