Salvata una vita al Cinema Moderno durante la proiezione di un film

Proponiamo la lettera inviataci da un lettore, che racconta di una vita salvata al Cinema Moderno:

“I giornali sono pieni di episodi riguardanti la malasanità e sembra quasi che quando avviene qualcosa di importante e di positivo non si debba sottolineare quasi sia “dovuto”. Per questo vorrei segnalare quanto avvenuto sabato pomeriggio 15 febbraio nella sala 1 del Cinema Moderno di Rieti durante la proiezione del nuovo film di Gabriele Muccino.

Poco prima dell’interruzione di metà film il silenzio è stato interrotto dal grido di una donna che chiedeva aiuto per il marito, a suo parere morto. Nel buio si è alzata una persona che ha raggiunto il soggetto. Lo ha preso dalle spalle e lo ha letteralmente sollevato cinturandolo sotto le braccia. Dopo pochi secondi si sono accese le luci e sono intervenute altre persone intorno all’uomo che ormai stava bene e aveva ripreso a respirare.

La proiezione è ripresa e solo a fine film ho voluto complimentarmi con il medico che estraendo un corpo estraneo dalle vie respiratorie ha salvato la vita di una persona; a differenza dell’interessato che è uscito dalla sala come se nulla fosse. Un ringraziamento da parte mia ed indirettamente dal redivivo al dott. Sandro Boschetto che sebbene fuori servizio ha salvato una vita.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here