SCHNEIDER, NECESSARIO CREARE LE CONDIZIONI PER RIBALTARE LA DECISIONE AZIENDALE DI CHIUDERE

Schneider Rieti

Fabrizio Potetti, coordinatore nazionale Fiom-Cgil del gruppo Schneider, ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione:
“Nell’incontro che si è svolto a Roma presso il Ministero dello Sviluppo Economico, la Schneider ha ribadito la sua grave decisione di chiudere gli stabilimenti di Rieti e di Guardamiglio (Lodi).

Questa dichiarazione, decisamente negativa, coincide, di fatto, con l’apertura di una trattativa in cui le Organizzazioni sindacali, le Istituzioni locali interessate e lo stesso Ministero hanno apertamente dichiarato la propria contrarietà a tali progettate chiusure.

I sindacati dei metalmeccanici hanno quindi espresso la propria piena disponibilità a una   discussione di merito che metta al centro la capacità industriale e le professionalità dei lavoratori presenti nei due siti. Gli stabilimenti di Rieti e Guardamiglio, a nostro avviso, sono infatti in grado di competere a tutti i livelli su qualità, costi ed efficienza.

Questo patrimonio industriale e di conoscenze non deve essere disperso. L’unità dei lavoratori e delle Istituzioni può produrre avanzamenti nella discussione. In particolare, se anche il management italiano, come ha fatto in passato, si convincesse della bontà delle argomentazioni sindacali e agisse per tutelare non solo i due siti produttivi, ma tutto il sistema Schneider in Italia, si potrebbero determinare le condizioni utili per effettuare nuove scelte.

Nella situazione che si è creata dopo il recente annuncio aziendale, è necessario che tutti svolgano al meglio il proprio ruolo. La paura deve diventare prudenza, mentre l’accettazione acritica delle decisioni assunte a Parigi deve dare luogo alla formulazione di una nuova proposta sostenuta dal management aziendale, dalle lavoratrici e dai lavoratori, dalle Istituzioni e dalle comunità locali. Solo così sarà possibile creare le condizioni utili per far sì che le decisioni assunte finora vengano riviste.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here