Indici sintetici di affidabilità, che cosa sono? Se ne parla in un seminario CNA

“INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITÀ: CHE COSA SONO?”, è il seminario organizzato da CNA che si svolgerà a Rieti, lunedì 4 giugno ore 16 presso la Sala Convegni   Hotel Serena, via dei Salici 46.

Già nell’anno di imposta 2018 gli ISA sostituiranno gli studi di settore. È importante sapere oggi cosa sono per tenerne conto nella gestione della propria impresa. L’obiettivo è di assicurare a tutti i contribuenti un trattamento fiscale uniforme, semplificando gli adempimenti dei contribuenti e degli intermediari. Gli indici esprimono, su una scala da 1 a 10, il grado di affidabilità fiscale riconosciuto a ciascuna impresa e riconoscono, come fortemente sollecitato da CNA, più livelli di “premialità” per i contribuenti affidabili, quali, ad esempio, l’esclusione dal cd. redditometro, a condizione che il reddito complessivo accertabile non ecceda il reddito dichiarato di due terzi; l’esclusione dagli accertamenti basati su presunzioni semplici; l’esonero dall’applicazione del visto di conformità relativamente all’IVA per la compensazione di crediti non superiori a 50.000 euro annui e alle imposte sui redditi e all’IRAP per un importo non superiore a 20.000 euro annui.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha già approvato, con D.M. 23 marzo 2018, i primi 69 indici di affidabilità fiscale che interessano alcune attività nel settore del commercio, delle manifatture, dei servizi e delle attività professionali.
Con provvedimento del 7 maggio 2018 l’Agenzia delle Entrate ha individuato ulteriori attività economiche per le quali verranno elaborati gli ISA, previa emissione del relativo decreto di approvazione da parte del Ministero dell’Economia e delle finanze .
A spiegarne le novità sostanziali e i benefici premiali finora individuati, un esperto del settore, Claudio Carpentieri, Responsabile politiche fiscali CNA.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here