1000 Miglia ai nastri di partenza. In gara anche il reatino Alessandro Mostarda

Alle 14 di domani giovedì 22 ottobre partirà la prima delle auto storiche che si sfideranno nell’edizione 2020 della 1000 Miglia, la gara più bella del mondo organizzata da 1000 Miglia Srl, che quest’anno omaggia Brescia, la sua città natale, integrando nel logo l’effige della Vittoria Alata e che si svolgerà su 4 tappe: Brescia – Cervia-Milano Marittima, Cervia-Milano Marittima – Roma, Roma- Parma e Parma – Brescia.

Al fine di dare un contributo concreto alla necessaria limitazione del rischio di assembramenti lungo le vie e le piazze di Brescia, favorendo allo stesso tempo la più ampia partecipazione del pubblico che con passione segue la competizione, per la prima volta quest’anno sarà possibile assistere alla partenza e all’arrivo in live streaming, collegandosi al sito https://1000miglia.it/eventi/1000-miglia-2020/live-streaming/

1000 Miglia ringrazia inoltre tutti i partner e gli sponsor per il loro indispensabile sostegno alla manifestazione, a partire da Chopard, a Deutsche Bank, Mercedes-Benz, Villa Trasqua, Perlage e Vredestein, sottolineando che il contributo di tutti è stato un importante segno di vicinanza, fiducia e passione per la Freccia Rossa edizione speciale 2020.

Fondamentale il contributo di Antares Vision – Technology partner e di Leonardo – Security partner per una 1000 Miglia 2020 in totale sicurezza.

Waze, in qualità di Mobility Partner, supporterà 1000 Miglia e la Scuderia del Portello nella divulgazione del messaggio a sostegno di una mobilità senza barriere a bordo dell’Alfa Romeo 1900 TI del 1954 che fu condotta da Clay Regazzoni.

Il percorso

Quella di quest’anno sarà in tutto e per tutto un’edizione speciale, a partire dalla collocazione autunnale nel calendario. Il percorso toccherà località di grande fascino e bellezza unica: da viale Venezia a Brescia i concorrenti si dirigeranno infatti verso Cervia – Milano Marittima passando per Desenzano, Sirmione, Villafranca di Verona, Mantova, Ferrara e Ravenna.

La sfida proseguirà venerdì 23 lungo le strade che, dalle sponde del Mar Adriatico, attraversano l’Appennino in direzione Roma – dove via Veneto farà da passerella serale – toccando San Marino, Urbino, Fabriano, Macerata, Fermo, Ascoli Piceno, Amatrice e Rieti.

Il tempo di un breve riposo notturno e poi la 1000 Miglia ripartirà, sabato 24, alla volta di Parma, attraversando Toscana ed Emilia passando per Ronciglione, Viterbo, Radicofani e la val d’Orcia, Siena (che nella bellissima piazza del Campo ospiterà il pranzo dei piloti), Lucca, Viareggio e superando il passo della Cisa. Conclusione domenica 25 ottobre con il passaggio per Salsomaggiore Terme, Castell’Arquato, Lodi, Pandino, Treviglio e Bergamo, prima di raggiungere la pedana di arrivo di Viale Venezia a Brescia, dove tutto ebbe inizio novantatré anni fa con la prima Coppa delle 1000 Miglia.

Tra i partecipanti il reatino Alessandro Mostarda (a sx nella foto), CEO della Microdos, azienda reatina specializzata nella realizzazione di pompe dosatrici, parteciperà alla Mille Miglia 2020 con una Mercedes “Ali di Gabbiano” del 1954. Assieme a lui il copilota olandese John Hoorneman (a dx nella foto).

La sicurezza

Sicurezza è una parola chiave di questa edizione. In questo senso, 1000 Miglia ha approntato un rigoroso protocollo anti-Covid, definito in collaborazione con le autorità, che prevede numerosi interventi specifici, espressamente dedicati al contenimento del rischio di contagio, che sono stati messi a punto per l’occasione.

In primis, quest’anno il team dedicato alla sicurezza ha ampliato il suo raggio d’azione integrando nelle sue tradizionali competenze anche quelle di esperti appositamente coinvolti.

Gli ingressi agli spazi ad accesso controllato (Aree Protette) come il Paddock, il Villaggio e l’area di Partenza e Arrivo sono stati numericamente ridotti a circa 1/3 della ricettività abituale e, pur garantendo una capienza sufficiente per il regolare svolgimento delle diverse attività, l’entrata è consentita solo a seguito di rigorosi controlli e verifiche. All’ingresso di ciascuna area riservata all’evento sono stati posizionati dispositivi di people counting, portali intelligenti che, oltre alla misurazione della temperatura corporea e del controllo del corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, forniranno il conteggio in tempo reale dei flussi in entrata e uscita: in nessuna area protetta sarà superato il numero di accessi consentiti in contemporanea; operatori di sicurezza, hostess e steward avranno comunque il compito di verificare la temperatura corporea a distanza, controllare il corretto utilizzo dei DPI, il rispetto della distanza interpersonale e l’igienizzazione delle mani.

Sono state inoltre individuate figure specifiche di Covid Manager e Team 1000 Miglia dedicati che, in caso di temperatura corporea superiore a 37,5°, svolgeranno un servizio di assistenza e attiveranno le procedure vigenti in materia di sicurezza e sanità. In caso di temperatura corporea superiore a 37,5° l’accesso all’Area Protetta non sarà consentito e la persona verrà ospitata in uno spazio riservato.

Sono stati cancellati il Trofeo Gaburri e il Closing Party finale e organizzati i pranzi sul percorso nel rispetto di turnazioni che garantiscono la presenza in contemporanea a non più di 200 persone a distanza di sicurezza. Sono state chiuse le aree riservate per le riprese foto-video alla partenza e all’arrivo a Brescia e Roma, garantendo la copertura con la piattaforma messa a disposizione dall’agenzia Ansa.

Durante la gara è stata organizzata la costante presenza, all’interno del convoglio, di due ambulanze, sette medical car con medico rianimatore, due auto covid safe con Covid manager, due auto per l’eventuale rientro a Brescia di persone con febbre, dieci medici e nove infermieri oltre a un sistema di comunicazione protetto dedicato e da utilizzare in caso di emergenze in luoghi non coperti da segnale.

I personaggi

Tra gli ospiti di questa trentottesima edizione, saranno presente l’Imprenditore Tomaso Trussardi che gareggerà a bordo di una BMW 328 iscritta alla categoria Guest Car, Cristina Parodi giornalista e conduttrice TV a bordo della Mercedes 300 SL contraddistinta dal numero 1000 per le prime due tappe della competizione. A seguire, il passaggio di testimone per le ultime due tappe conclusive con Chiara Giallonardo conduttrice TV e volto di Linea Verde.

A fianco dell’auto 1000, nella rappresentazione ideale del tema Crossing the Future, quest’anno ci sarà l’HYPER SUV VISION 2030 la concept car totalmente elettrica disegnata da Fabrizio Giugiaro che verrà guidata per tutto il percorso della gara dallo stesso designer: riconoscibile dalla futuristica livrea e dal numero 2030 il veicolo è in grado di adattarsi e performare su qualsiasi tipo di terreno, e incarna in modo avveniristico la sfida per un futuro sostenibile caratterizzata da performance estreme a emissioni zero.

Anche quest’anno il Green Talk, Crossing the future: verso una mobilità sostenibile, ha affrontato i temi della sostenibilità con particolare riferimento alla mobilità elettrica è stato realizzato da 1000 Miglia in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility.

Ferrari Tribute to 1000 Miglia

Confermato anche quest’anno il Ferrari Tribute to 1000 Miglia, l’evento collaterale dedicato alle vetture moderne che il prestigioso brand internazionale, simbolo di eccellenza italiana nel mondo, dedica alla 1000 Miglia.

Supercar Owners Circle

In qualità di Offical Supercar Club Partner, 1000 Miglia apre le sue porte per la prima volta in assoluto a Supercar Owners Circle e alla sua hypercar, offrendo ai soci del Club la possibilità di vivere la gara a fianco delle auto d’epoca lungo il percorso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here