RIETI VIRTUOSA: LA RICHIESTA DEL CONSIGLIERE SEBASTIANI E' UNA VIOLAZIONE ALLA PRIVACY

Comune di Rieti

Da quando si è insediata la nuova amministrazione sono in molti a chiedere a più e più voci la pubblicazione totale di qualsiasi informazione venga decisa nelle aule del Comune. Uno dei più recenti esempi è il consigliere Andrea Sebastiani della civica Rieti che Sviluppa, il quale chiede che vengano resi noti nomi e cognomi dei beneficiari dei contributi dei servizi sociali.

Il Garante per la Privacy si è però già ampiamente espresso a riguardo, dando indicazioni precise (http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/2243069), e più nello specifico, riguardo ai dati personali, ha ribadito che:

"Sui siti web della Pubblica Amministrazione non dovranno mai essere diffusi dati sulla salute e sulla vita sessuale. Vanno esclusi dalla pubblicazione i dati identificativi dei destinatari dei provvedimenti dai quali si possano ricavare dati sullo stato di salute o di uno stato economico-sociale degli interessati: si pensi al riconoscimento di agevolazioni economiche, alla fruizione di prestazioni sociali collegate al reddito, come l’esenzione dal contributo per le refezione scolastica o dal ticket sanitario, i benefici per portatori di handicap, il riconoscimento di sussidi ad anziani non autosufficienti, i contributi erogati per la cura di particolari malattie o per le vittime di violenza sessuale".

Va da sé che la rettifica richiesta dal consigliere Sebastiani, in riferimento a ciò che lui definisce "omissione" (ma che invece rappresenta il rispetto della legge), equivale a chiedere una palese violazione della privacy, violazione reiterata sistematicamente dai dirigenti precendenti alla De Alfieri, ai quali invece sarebbe più opportuno chiedere conto di eventuali non regolarità amministrative.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here