MANIFESTAZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE SUL RISCHIO SISMICO

Rieti non rischia

È possibile prevedere i terremoti? Rieti è una città a rischio sismico? Cos’è la magnitudo? Cosa si può fare per rendere più sicura la propria abitazione?

A queste ed altre domande, risponderanno i volontari della Protezione Civile di Rieti nel corso della manifestazione che si svolgerà sabato e domenica 20 e 21 ottobre prossimi in Piazza Vittorio Emanuele II, in concomitanza con il mercatino dell’antiquariato.

"Un apposito stand verrà allestito per l’occasione – a spiegarlo è Paola Mariangeli  che insieme a Francesca Curini e Serena Mercantini gestiscono la Casa del volontariato di Rieti e che hanno affiancato i Volontari nell’organizzare la manifestazione – alla popolazione verranno distribuiti opuscoli e materiale informativo, e verranno fornite risposte a tutti quei questiti che i cittadini si pongono su cosa bisogna fare, concretamente, quando si verifica un evento sismico e nei momenti immediatamente successivi, in attesa che arrivino i soccorsi".

"Obiettivo della Campagna di sensibilizzazione è diffondere la cultura della prevenzione", ad affermarlo è Crescenzio Bastioni, responsabile del CER che con le Associazioni Vigili del fuoco in congedo, NOE, Rieti Emergenza, Volontari Castel S’Angelo e Rieti Cuore, compongono il gruppo di Volontari di Rieti sarà  in piazza del Comune il prossimo fine settimana.

"La mission della Protezione civile – prosegue Bastioni – non si evidenzia solo nel momento del SOCCORSO, ma anche in quello della PREVENZIONE del rischio sismico, che significa anche fornire ai cittadini quegli strumenti conoscitivi necessari, volti a proteggere la propria incolumità".

Perché sono stati scelti i volontari per questa iniziativa? "Per motivi legati al principio della sussidiarietà: i volontari, infatti, sono le figure più vicine ai cittadini – sottolinea il responsabile del CER – vivono ed operano nelle stesse zone nelle quali si svolgerà la manifestazione e sono dunque i soggetti che meglio possono comprendere le paure e i bisogni delle popolazioni residenti in una zona a rischio sismico. Tutto cio’ permette di creare delle comunità locali più consapevoli e pronte a collaborare per rendere meno duro l’impatto con gli eventi naturali, che spesso guardiamo solo con gli occhi della fatalità".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here