ALLA GUIDA DELLA SUA AUTO GUARDAVA FILM HARD, FERMATO DALLA POLIZIA STRADALE

Questura di Rieti

Continua incessante l’attività di contrasto al fenomeno dell’immigrazione clandestina e della micro criminalità, disposta dal Questore di Rieti Dr. Carlo Casini, per rendere Rieti sicura.

L’Ufficio Immigrazione diretto dal V.Q.A. Grazia Sicuro, nel corso di una capillare attività di verifica, ha emesso 5 provvedimenti di rifiuto del  permesso di soggiorno  ad altrettanti  cittadini stanieri, per insussistenza dei requisiti necessari per il rilascio dei titoli richiesti.

La stessa attività ha permesso di individuare e  denunciare due cittadini, un italiano e uno straniero, che avevano presentato false documentazioni allo scopo di ottenere, fraudolentemente, il rinnovo del titolo di soggiorno.

Nell’ambito dei servizi di prevenzione e controllo del territorio, inoltre, personale della Squadra Volante ha denunciato due persone,  per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope, trovate in possesso, rispettivamente, di ml.10 di metadone e gr. 1,16 di hashish.

Inoltre ieri, “E qui siamo alla follia più pura” ha commentato il Questore, una pattuglia della Polizia Stradale ha visto un giovane, a bordo di una lussuosa berlina, che circolava lungo la via Salaria per Roma effettuando sorpassi e comportamenti alla guida altamente pericolosi.

Fermato poco dopo, gli Agenti notavano che il conducente, durante la guida,  stava guardando un film hard, masturbandosi.

Allo stesso è stata ritirata la patente ed inflitta una pesante sanzione amministrativa per guida pericolosa. Si sta valutando anche l’eventuale denuncia all’Autorità Giudiziaria.

Nell’ambito degli stessi servizi di prevenzione, negli ultimi tre giorni, anche con la collaborazione della Polizia Stradale, sono state identificate 508 persone, controllati 434 veicoli e sanzionate 645 contravvenzioni al Codice della Strada che hanno comportato il ritiro di 22 documenti di circolazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here