Riapertura Zona Franca Urbana, dal 12 marzo 2018 le domande di accesso

Confartigianato Imprese Rieti aveva giudicato interessanti le novità introdotte dalla Legge di Bilancio (Legge n. 205 del 27/12/2017) a favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016. Molte però erano, e in parte restano, le perplessità. I commi 745 e 746 in essa contenuti, infatti, rappresentavano, fino a tre giorni fa, un insieme normativo inutilizzabile: chi è riuscito a leggerne faticosamente il testo, si è reso subito conto dell’assoluta mancanza di meccanismi effettivi che li rendessero da subito attuabili.
Nel comma 745 è prevista l’estensione delle agevolazioni previste per le ZFU anche a chi, nel periodo dal 1° novembre 2016 al 28 febbraio 2017, ha subìto una riduzione del fatturato almeno pari al 25% rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. Questa misura si applica solo alle imprese con sede nei comuni di Rieti, Cittaducale, Cantalice, Poggio Bustone e Rivodutri.
Come si può fruire di tali agevolazioni in assenza di una circolare del MISE che ne stabilisca le modalità di accesso? Sul sito del Ministero non comparivano, fino a qualche giorno fa, indicazioni a tal riguardo, anche se l’esenzione è relativa ai periodi di imposta 2017 e 2018. Il 2017 è ormai trascorso ed imposte e contributi sono stati comunque pagati.
Nel comma 746 l’esenzione dei pagamenti sembrerebbe poi estesa anche ai contributi previdenziali e assistenziali personali del titolare di impresa individuale o impresa familiare. Ma tali agevolazioni attengono esclusivamente “… ai contributi a carico dei datori di lavoro, sulle retribuzioni da lavoro dipendente” a cui la norma rinvia? La ratio della norma è quindi quella di restringere il campo di tali agevolazioni ai soli titolari di imprese individuali o familiari escludendo pertanto le società? Oppure è da intendersi che l’estensione delle agevolazioni attiene anche ai contributi personali dei titolari di imprese individuali o di imprese familiari?
Confartigianato Imprese Rieti, a seguito dei dubbi sollevati dal proprio Ufficio Fiscale, si è immediatamente attivata presso il MISE che, riconoscendo le criticità da noi evidenziate, con nota del 20 febbraio scorso, ci rassicurava garantendo che entro pochi giorni sarebbe stata emanata una circolare esplicativa, puntualmente arrivata il 5 marzo (Circ. n. 144220).
Tale Circolare, pubblicata sul sito del MISE, fornisce chiarimenti in merito alle modalità e ai termini di presentazione delle istanze di accesso alle agevolazioni in favore delle imprese e dei titolari di reddito di lavoro autonomo localizzate nella Zona Franca Urbana istituita ai sensi dell’art. 46 DL 24 aprile 2017 n. 50.
Le istanze di accesso alle agevolazioni potranno essere presentate esclusivamente tramite procedura telematica, con le seguenti scadenze:
1) dalle ore 10 del 12/03/2018 e fino alle ore 12 del 27/03/2018, per quanto riguarda le domande di accesso alle agevolazioni previste dall’art. 1 comma 745 della legge di bilancio 2018. In sostanza si riapre una finestra per le imprese localizzate nei comuni di Rieti, Cittaducale, Cantalice, Poggio Bustone e Rivodutri che, nel periodo dal 01/11/2016 al 28/02/2017 abbiano subito un calo del fatturato almeno pari al 25% rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente.
2) dalle ore 10 del 04/04/2018 e fino alle ore 12 del 20/04/2018, per quanto attiene le domande di accesso alle agevolazioni previste dall’art. 1 comma 746 della legge di bilancio 2018. In questo caso le imprese coinvolte sono quelle che sono già state ammesse alle agevolazioni della ZFU causa riduzione del fatturato pari almeno al 25% nel periodo dal 01/09/2016 al 31/12/2016 rispetto al corrispondente periodo nell’anno 2015. Tali soggetti dovranno integrare la propria istanza con una nuova richiesta di esenzione dal pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali per titolari di imprese individuali o familiari.
Ricordiamo infatti che, prima della pubblicazione della legge di bilancio 2018, le agevolazioni della ZFU riguardavano solo: imposte sui redditi / IRAP; IMU; contributi previdenziali /assistenziali sulle retribuzioni da lavoro dipendente (con esclusione dei premi per l’assicurazione obbligatoria infortunistica). Presentando istanza integrativa, le imprese individuali e le imprese familiari avranno diritto all’esenzione anche per quanto riguarda i contributi Inps del titolare e dei collaboratori familiari.
Per ulteriori informazioni e per l’inoltro delle istanze di accesso alle agevolazioni, invitiamo a rivolgersi all’Ufficio Fiscale di Confartigianato Imprese Rieti, tel. 0746 218131 oppure 0746 274435.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here