I Vigili del Fuoco perdono la mensa interna. Sindacati: “Una scelta che penalizza il personale operativo”

“Contro ogni logica e buon senso, il Dipartimento del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco ha eliminato il servizio mensa e imposto il buono pasto ai Vigili del Fuoco operativi del Lazio. Una scelta assurda e mortificante. Abbiamo proclamato lo stato di agitazione e chiediamo un intervento di tutte le forze politiche del Lazio per porre fine a questa assurdità e ridare alle lavoratrici e ai lavoratori il servizio finora previsto.

Queste le parole di Fp Cgil, Fns Cisl, Uil Pa e Confsal Vvf di Roma e Lazio, in seguito alle decisioni prese dal Dipartimento facente capo al Ministero dell’Interno. Proseguono: Questa modifica dimostra ancora una volta che i vertici del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco non conoscono il tipo di lavoro e di servizio svolto quotidianamente dalle donne e dagli uomini del Corpo, ed evidenzia solo una deleteria propensione a politiche di risparmio economico.

Dichiariamo lo stato di agitazione e fanno appello all’intervento delle forze politiche e ai rappresentanti istituzionali del Lazio per mettere fine a questa assurda scelta e ridare alle lavoratrici e ai lavoratori dei Vigili del Fuoco la loro prevista mensa di servizio”, concludono Fp Cgil, Fns Cisl, Confsal e Uil Pa Vigili del Fuoco di Roma e Lazio.

Da ora anche i Vigili del Fuoco di Rieti spiegano le Segreterie Provinciali Fp Cgil, Fns Cisl, Uil Pa e Confsal di Rieti nella giornata di servizio (con turni dalle 8 alle 20 e dalle 20 alle 8) dovranno rinunciare al diritto del servizio mensa e poter consumare il loro buono pasto.

Fiduciosi nell’iniziativa intrapresa dalle nostre segreterie regionali auspichiamo una celere e congrua risoluzione della controversia.”

Stefano Cesi Coord. Prov. FP CGIL, Massimo Rinaldi Segr. Prov. FNS CISL, Emanuele Gunnella Segr Prov. UILP, Saverio Roberto De Luca Segr.Prov. CONFSAL

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here