De Lellis, sabotate apparecchiature del laboratorio analisi utilizzate per i tamponi Covid-19

La Direzione Aziendale della Asl di Rieti denuncia il sabotaggio, avvenuto questa notte, di alcune apparecchiature utilizzate dal Laboratorio analisi dell’ospedale de’ Lellis per processare i tamponi Covid-19. In particolare, sono stati manomessi, un computer e l’amplificatore Real Time PCR che l’Azienda aveva installato lo scorso giugno, all’indomani dell’ingresso della Struttura reatina nella rete regionale Coronet, certificata dall’INMI Lazzaro Spallanzani di Roma. Rilevate le anomalie, la Direzione Aziendale ha immediatamente allertato le Forze dell’Ordine, che hanno eseguito i rilievi del caso.

“Si tratta di un atto grave, anzi gravissimo perché colpisce il cuore dell’attività di prevenzione e contenimento del Covid-19 in provincia di Rieti. Un gesto vile che calpesta il lavoro di tutto il personale della Asl di Rieti che da sette mesi è impegnato, ininterrottamente, a fronteggiare l’emergenza coronavirus. Non è la prima volta che ci troviamo ad affrontare simili situazioni, con danneggiamenti anche gravi o manomissioni di apparecchiature elettromedicali; ma come è accaduto in passato, l’Azienda non si lascerà intimidire e continuerà a lavorare, al fianco dei suoi professionisti, per fornire a tutti i cittadini della provincia di Rieti il miglior servizio sanitario possibile. Domani mattina presenteremo regolare denuncia alle Autorità competenti nella speranza che i responsabili vengano assicurati al più presto alla giustizia”.

Direzione Aziendale Asl Rieti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here