CISL e Fim CISL soddisfatte del rientro in servizio del primo gruppo di lavoratori Elexos

“La Cisl di Roma Capitale e Rieti e la Fim Cisl di Roma Capitale e Rieti dichiarano la loro soddisfazione per il rientro in servizio di un primo gruppo di lavoratori già ex Schneider, poi Elexos, in azienda, grazie a quanto concordato dalle organizzazioni sindacali di categoria. Un percorso, quello del reimpiego, da sempre sostenuto dalla CISL e dalla Fim Cisl, come la reindustrializzazione del nucleo industriale di Rieti e Cittaducale.

Un accordo sofferto, dove il piano di reimpiego dei lavoratori Elexos in Seko, è stato sicuramente penalizzato nei tempi dalla difficile situazione imposta dal Covid19. L’ennesimo sacrificio dei 41 lavoratori ex Schneider, che avevano reinvestito il loro incentivo all’esodo, sul tavolo della reindustrializzazione miseramente fallito, ed si ora giocano la loro “dote” con Seko. Siamo fiduciosi insieme ai lavoratori che con questo accordo possa riprendere un percorso lavorativo stabile e duraturo. Allo stesso tempo confidiamo nelle istituzioni perché supportino con tutti i mezzi a disposizione il passaggio di tutti i lavoratori Elexos in Seko.

È la determinazione dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali a far continuare a brillare la fiammella della reindustrializzazione sul territorio reatino con le loro capacità professionali derivate da anni di lavoro in una delle più grandi aziende del territorio.

La Cisl di Roma Capitale e Rieti e la Fim Cisl Roma di Roma Capitale e Rieti vigileranno al fianco dei lavoratori che il processo iniziato continui nel tempo, sollecitano nel contempo la riapertura del tavolo di confronto con la Regione Lazio volto al rinnovo della mobilità in deroga per le centinaia di lavoratori del territorio reatino attualmente senza occupazione ne copertura economica in quanto questo ammortizzatore è scaduto il 2 luglio scorso.”

CISL Roma Capitale e Rieti
Segretario Generale, Carlo Costantini
Coordinatore area Rieti, Paolo Bianchetti
Fim Roma Capitale e Rieti, Vincenzo Tiberti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here